VERGINE

24 agosto - 22 settembre

Il segno della Vergine

Il segno della Vergine chiude il periodo estivo e sostituisce l’euforia con una periodo più raccolto, di studio intelligente e preciso su come conservare le provviste raccolte per l’inverno con prudenza e previdenza, ma sopratutto con il massimo controllo. Segno di terra, è governato da Mercurio che porta a questo segno intelligenza, razionalità, acutezza e precisione nell’analisi e nell’attenzione ai dettagli.

Dotata di un grande spirito di osservazione, la Vergine ha bisogno di comprendere e di controllare la realtà: il senso pratico dell’elemento Terra la rende poco incline ad entrare in contatto con le emozioni profonde, mentre pone una grande attenzione alla materia, all’analisi discriminatoria e misuratrice di essa. Non a caso il suo archetipo è il Cercatore, colui che non si accontenta, ma desidera studiare, analizzare e comprendere. Il cervello però tende a prevalere sul cuore, sull’istinto e a filtrare le emozioni, spesso sezionando le cose con un'eccessiva minuzia.

I nati sotto il segno della Vergine sono estremamente affidabili, discreti, moderati e riservati, generalmente altruisti, coscienziosi ed amanti del senso della misura e del lavoro preciso che consente di ottenere grandi risultati un po’ per volta, lentamente. Sebbene modesti e privi dell’impulso di dover dimostrare qualcosa a qualcuno, hanno generalmente un livello di intelligenza al di sopra della norma ed un discreto gusto artistico.

Detestano dunque agire di fretta poiché devono valutare tutto con pazienza, con meticolosità; questo li rende abili ad amministratori delle risorse, cosa che sono portati istintivamente a fare poichè tendono a pensare sempre al futuro con previdenza ed incertezza. Questo accade non solo in termini economici e così in molti casi i Vergine vedono con paura anche l’inizio di nuove relazioni e, fin quando non si sentiranno al sicuro, continueranno a diffidare e a raccogliere indizi per il domani.

Possono quindi risultare persone meticolose, ossessionate e critiche, ma sono concreti, affidabili e con un forte senso del dovere. Sono molto analitici e spesso eccessivamente critici verso se stessi prima ancora che con gli altri, talvolta amano assumere l’atteggiamento di vittime.

Un cenno storico/etimologico: Il termine “virgo” in latino indicava una donna non sposata, libera ed autosufficiente, il che non. Aveva nulla che vedere con la sua illibatezza, ma come per il termine maschile “vir” indicava un adulto libero. Le dee madri erano chiamate dunque “vergini”, ma erano donne libere sessualmente, oltre che economicamente, uguali e pari agli uomini. Graficamente, il segno della Vergine era una donna seduta di profilo, ma pare che con l’avvento del cristianesimo, il glifo si trasformerà in una M con l’asta finale ripiegata all’interno a simboleggiare Maria e la sua verginità, o, in linea con le caratteristiche del segno, la fredda lucidità della Ragione che inizia ad imbrigliare istinti e passioni (che però sono forti e fortemente repressi e trattenuti).

LA PIETRA DELLA VERGINE: LA SARDONICE

La sardonice, pietra simbolo di forza e stabilità, risuona con l’integrità dei nati sotto il segno della Vergine, e li supporta nella ricerca del significato dell’esistenza e nel processare le informazioni. Fortifica rinforzando il carattere e sviluppando l’autocontrollo. La sardonice aiuta inoltre ad arrivare al nocciolo delle questioni e ad attrarre relazioni stabili e buoni amici.  L’innata intelligenza nati sotto questo segno, la propensione al pensiero logico, la percezione e la capacità di assimilare le informazioni sono rafforzate dall’uso della sardonice.

LA PIETRA DELLA VERGINE: IL PERIDOTO (OLIVINA)

Insieme alla sardonice, l’altra pietra affine ai nati sotto il segno della Vergine è il peridoto. Il più leggero e vivace peridoto infatti affina le percezioni dei Vergine ed aiuta a lasciare andare le abitudini che impediscono di crescere, incoraggiando ad essere meno severi con se stessi, dacché sono noti per essere estremamente autocritici! Il peridoto aiuta inoltre a liberarsi dai vecchi schemi comportamentali negativi e dei bagagli emotivi di cui non si ha più bisogno ed incoraggia a farsi guidare dal proprio Sé superiore. Il peridoto insegna inoltre ad accettare gli errori come lezioni da imparare e ad andare avanti.

LA PIETRA PORTAFORTUNA, LA GUARITRICE E IL TALISMANO DELLA VERGINE: L’AGATA MUSCHIATA

Pietra talismano e portafortuna per i nati sotto il segno della Vergine, l’agata muschiata è in generale eccellente per tutti coloro che lavorano a contatto con la terra e supporta l’intuizione in questo tipo di lavoro. Per gli intellettuali Vergine è un piacere discutere delle emozioni e analizzarle a fondo, tuttavia difficilmente le provano realmente: l’agata muschiata aiuta ad entrare in contatto con i propri sentimenti e migliora la capacità di esprimere ciò che si sente piuttosto che ciò che si pensa.

L’ipercriticità delle vergini verso sé stessi può portarli ad avere poca autostima e a forti stress emozionali: l’agata muschiata aiuta a vedere le proprie qualità positive e a riconoscerei proprio valore.

LE PIETRE CHE AIUTANO LA VERGINE: LA FLUORITE

I nati sotto il segno della Vergine sono portati per le professioni mediche o dedicate alla cura, la fluorite si rivelerà particolarmente utile nell’aiutare a capire gli effetti delle emozioni della mente sul corpo.

LE PIETRE CHE AIUTANO LA VERGINE: LA RODONITE

Utile ai nati sotto il segno della Vergine per aiutarli a sviluppare l'equilibrio interiore, a superare i dubbi e le paure, a gestire meglio i rapporti con gli altri al di là del formalismo ed infine ad occuparsi della vita interiore oltre che del lavoro.